VOLARE!

VOLARE!

Chi non ha mai sognato di volare?

Diversi amici, in questo periodo, mi raccontano che la vita confinata in casa li porta a sognare di più. Forse sognano come prima ma, al risveglio, meno affannati e distratti, ricordano meglio. Forse la mente, compressa tra quattro mura, ha un bisogno estremo di ampi orizzonti, spazi aperti, movimenti liberi, in una parola, di volare.

A me capita, da quando il distanziamento sociale limita gli spostamenti, di osservare con calma il paesaggio che mi circonda e…vedere più in là. Dirigo lo sguardo verso le colline a sud-ovest della nostra casa e, oltre le colline, “vedo” la spiaggia di Cavi, Sestri Levante e oltre. Se gli occhi si posano sulle alture a est di Villa Paggi, nella mia mente si formano immagini di Zoagli, Rapallo e “vedo”, come se sorvolassi a volo d’uccello, tutta la frastagliata costa ligure fino a Portofino, Camogli, ecc. Le immagini dei luoghi tanto amati, ora irraggiungibili, si materializzano come per magia.

Sognare durante il sonno e sognare ad occhi aperti, desiderio di spazi sconfinati, voglia di leggerezza…dove mi porta tutto ciò? Mi porta a ripensare a quei fortunati, osservati tante volte col naso in su, che si lanciano col parapendio dalla sommità della collina di Paggi, si librano in aria come fossero privi di peso, sfruttano le correnti ascensionali, compiono ampi volteggi, atterrano infine laggiù nella valle.

Ed ecco che chiamo Marco “Sky” Bini, conosciuto mesi fa quando, in occasione di un volo in zona, ci venne a trovare a Villa Paggi, e gli espongo il mio sogno: voglio lanciarmi, anche se ho una fifa blu. Lui mi rassicura, Liguriadventure propone da anni il volo in Tandem, portando tantissime persone, anche alle prime armi, a veleggiare in parapendio sorvolando il mare e i monti della Liguria. Per Marco l’aria è come per noialtri bipedi comuni la terra, vola in parapendio dal 2000, per primo ha introdotto in Liguria il Volo Biposto in Parapendio, dunque è la persona giusta, grazie alla sua grande esperienza, per garantire che il mio primo lancio sia un’emozione da vivere in tutta sicurezza.

Siete curiosi? Vi ho contagiato vero? Allora è deciso, appena liberi dal tormentone del maledetto “iorestoacasa”, si esce, si corre…anzi si volaaaaa!

Share